Registo degli Accessi


Registro degli accessi FOIA

Con la pubblicazione in G.U. (n. 7 del 10.1.2017) delle Linea guida ANAC (delibera n. 1309 del 2016) il Foia (Freedom of information act) è entrato nell’organizzazione delle amministrazioni italiane.

La delibera ANAC spiega alle PP.AA. come muoversi per rendere operative le prescrizioni del D.Lgs. n. 97 del 2016, entrato in vigore il 23.12.2016.

Gli ordini professionali, in quanto P.A., e le società da essi partecipate, devono istituire un Registro degli accessi, in modo da avere un quadro preciso delle istanze dei cittadini, e individuare un ufficio addetto alle istanze stesse; devono sempre rispondere (anche a richieste non motivate) entro trenta giorni, e motivare le loro decisioni. Con una sola eccezione: sarà possibile respingere le richieste massive, tali da comportare un carico di lavoro «in grado di interferire con il buon funzionamento dell’amministrazione».

Tutto andrà fatto a titolo gratuito, con la sola eccezione dei costi sostenuti per l’acquisto dei supporti materiali, come la carta.

Il Registro dovrà essere pubblicato e aggiornato almeno ogni sei mesi in Amministrazione Trasparente, al fine di rendere noto su quali documenti, dati o informazioni è stato consentito l’accesso e consentire all’Autorità un monitoraggio sulle decisioni delle amministrazioni sulle richieste di accesso.

A tal fine il COA di Nola, in data 17/01/2017, ha deliberato di istituire il Registro delle richieste di Accesso civico generalizzato (in formato PDF) presentate al COA di Nola (ex art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 33/2013), aggiornato con cadenza semestrale.

registro_degli_accessi_foia_dal_01-01-2017_al_30-06-2017

registro_degli_accessi_foia_dal_01-07-2017_al_31-12-2017

Registro_degli_accessi_FOIA_dal_01.01.2018_al_30.06.2018